Spazzamento meccanico

Laddove possibile, lo spazzamento delle strade viene svolto mediante l’impiego di mezzi, generalmente di tipo aspirante e/o su telaio, in grado di rimuovere i rifiuti dal pavimento stradale svolgendo quindi un’azione depolverizzante ed igienizzante.
Tale servizio viene svolto nei centri urbani ove non vi siano ostacoli evidenti per il passaggio di mezzi di grosse dimensioni, nei viali periferici ed a ridosso delle cinta murarie e comunque in tutte quelle strade in cui la viabilità ne consente l’impiego.

Le caratteristiche essenziali di uno spazzamento meccanico sono l’efficacia nella rimozione del rifiuto, anche di natura polverosa e l’efficienza intesa come produttività del lavoro: l’alta velocità di rimozione e il buon rendimento nell’allontanamento dei rifiuti dalla superficie stradale sono i punti a netto favore di questa metodologia.

Il servizio di spazzamento gestito da SIA comprente i territori comunali di Marsciano, Deruta, Collazzone, Fratta Todina, San Venanzo, Montecastello di Vibio e Gualdo Cattaneo per un totale spazzato di circa 60.000 mq equivalenti (quasi quanto 6 campi di calcio!).

Nell’ambito del servizio, vengono impiegato 2 squadre di raccolta, normalmente composte da 1 autista e 2 operatori di servizio, che hanno il compito di preparazione della zona. Gli addetti precedono l’autospazzatrice e, individuando di volta in volta i punti a maggiore difficoltà per il veicolo meccanizzato, procedono creando degli accumuli di rifiuti più facilmente raggiungibili dalla macchina: ciò consente estendere il servizio meccanizzato praticamente in  tutte le vie ed aumentare in modo sensibile l’efficienza del servizio.

La  progettazione di un servizio di spazzamento stradale prevede  prima  di tutto l’analisi fondamentale di tutti i fattori che caratterizzano ed influenzano considerevolmente la scelta e la successiva erogazione di tale servizio.

Durante la normale attività di spazzamento, la percentuale maggiore di rifiuti raccolti è costiutita da

  • Rifiuti propriamente stradali (polvere, terriccio, fango e simili) derivanti dall’azione continua degli agenti atmosferici e del traffico;
  • Rifiuti  stagionali (fogliame, ramaglie, sabbia e simili)  derivanti  da  agenti  atmosferici  in particolari periodi dell’anno;
  • Rifiuti ricorrenti (carta, cartoni, polvere,ecc.) derivanti dall’azione scorretta ed indisciplinata di alcuni utenti o attività. Generalmente tali rifiuti si accumulano sempre in particolari punti precisi e in alcune ore particolari del giorno;
  • Rifiuti  casuali (pacchetti  vuoti di sigarette e fiammiferi, foglietti  di  carta, escrementi di animali domestici, residui oleosi di autoveicoli, ecc.) prodotti dal traffico cittadino ed in funzione della sua concentrazione;
  • Rifiuti eccezionali (tutti quei materiali in genere voluminosi abbandonati dagli utenti lungo le strade) derivanti sempre dall’azione incivile e scorretta degli utenti.